FAQ:

Il condizionatore d’aria smette di funzionare (la spia lampeggia)

Questa condizione avviene quando:

  • Quando l’alimentazione è troppo alta o troppo bassa, il sistema di protezione avvia e arresta il condizionatore finché la tensione non ritorna normale
  • Impianto scarico di gas refrigerante
  • guasto sonde
  • guasto compressore
  • non c’è comunicazione tra l’unità esterna e relative unità interne
  • filtri sporchi
  • batteria/condensatore esterno sporco cattiva manutenzione, si consiglia di far effettuare un controllo da un tecnico abilitato e certificato FGas  con frequenza annuale
  • effettuare l’autodiagnosi (ogni marca di condizionatore ne ha una)

L’acqua o il vapore fuoriesce dall’unità esterna

Questo fenomeno può verificarsi durante la procedura di sbrinamento quando il condizionatore d’aria è in modalità riscaldamento. È una fase normale e fa parte del sistema di protezione. Durante il processo di scongelamento, l’unità scongelerà il gelo accumulato sull’unità esterna e quando il ghiaccio si scioglie, alcune gocce d’acqua a volte si trasformeranno in vapore. Tutto ciò non dovrebbe richiedere più di 10 a 12 minuti.

Dall’unità interna fuoriesce vapore

L’unità è probabilmente in modalità condizionatore mentre le temperature esterne sono basse.

Questo può accadere di volta in volta poiché l’unità sta raffreddando l’aria e talvolta può produrre nebbia, controllare che i filtri dell’unità interna siano puliti, questo può ridurre il fenomeno.

Quali sono gli allergeni?

Gli allergeni sono impurità nell’aria che possono causare reazioni allergiche in alcune persone. In un ambiente urbano, una miscela di questi allergeni con altre impurità presenti nell’aria – prodotta dai motori e composti organici volatili presenti nei materiali di costruzione, cosmetici, ecc. può trasformare gli allergeni in allergeni pesanti. Questo può quindi aggravare gli effetti dannosi di questi allergeni sulla salute e portare a sintomi aggravati e all’insorgenza di allergie latenti.

Il condizionatore d’aria non si avvia immediatamente dopo l’accensione.

Ci possono essere due ragioni:

  1. Il primo è relativo al tempo minimo di spegnimento del compressore, il che significa che l’unità è stata accesa e spenta, quindi riaccesa. Il tempo minimo di accensione sarà di tre minuti per evitare danni al compressore.
  2. La seconda ragione è che se l’unità è in modalità di riscaldamento, la ventola interna non si accenderà finché la batteria interna non sarà sufficientemente calda da evitare correnti fredde

Come funziona l’aria condizionata?

  1. Nella prima fase, il compressore diffonde il refrigerante allo stato gassoso nella batteria di condensazione e il refrigerante si trova sul lato dell’uscita ad alta pressione del compressore, sarà riscaldato e trascinato nella batteria di condensazione
  2. Quando il refrigerante passa attraverso la serpentina di condensazione, il gas ad alta pressione rilascerà calore, a causa dell’aria spinta dalla ventola esterna nella serpentina di condensazione, il refrigerante sarà quindi sottoraffreddato e trasformato. in refrigerante ad alta pressione
  3. A quel punto, il refrigerante sottoraffreddato passerà attraverso un dispositivo di diffusione, passando attraverso un piccolo orifizio, che farà cadere immediatamente la pressione. Di conseguenza, anche il refrigerante diminuirà di temperatura.
  4. Il refrigerante a bassa pressione circolerà attraverso la serpentina dell’evaporatore e assorbirà il calore dalla stanza, grazie alla ventola interna che soffia aria nella serpentina dell’evaporatore. Grazie all’assorbimento di calore da parte del refrigerante, l’aria che passa attraverso la bobina interna si raffredderà e il refrigerante si farà bollire e cambierà stato per passare da un liquido a bassa pressione a un gas a bassa pressione fino a quando non ritorna al compressore.

Per la funzione pompa di calore, il ciclo è invertito, il che significa che il compressore si scaricherà nella batteria interna anziché nella bobina esterna, come nel caso della modalità di raffreddamento

L’aria condizionata può farti star male?

Solo l’aria condizionata mal tenuta può farti star male. Un sistema di aria condizionata ben mantenuto, al contrario, contribuisce a mantenere un ambiente sano.

umidità

Poiché controlla il grado di igrometria, l’aria condizionata riduce l’aspetto delle muffe e lo sviluppo degli acari. L’aria condizionata mantiene l’umidità tra il 40 e il 60%, un livello piuttosto vantaggioso per le persone con allergie.

ventilazione

Alcuni condizionatori sono dotati di sistemi di ventilazione integrati. La presenza di sistemi di ventilazione meccanica è ora essenziale a causa degli attuali metodi di costruzione. La fornitura di aria fresca impedisce la comparsa della sindrome di edifici malsani.

filtrazione

È essenziale sostituire i filtri in un momento specifico. Se si sostituiscono i filtri troppo tardi, si corre il rischio di essere saturi e di diffondere batteri invece di catturarli.

Tutte le unità di aria condizionata sono dotate di un filtro. La modalità di filtraggio varia a seconda del tipo di installazione e delle esigenze del cliente. L’efficacia di un filtro può variare dal filtraggio di polvere e particelle a polvere fine, polline, batteri, virus, odori e persino microbi e fumo.

Correnti d’aria

Se l’attrezzatura viene scelta correttamente, non ci saranno rischi di correnti d’aria. Ma questo è un lavoro specialistico che deve essere fatto dall’installatore. Un sistema di aria condizionata la cui capacità è troppo bassa non raggiungerà la temperatura desiderata. E l’installazione di un sistema con troppa capacità causerà correnti d’aria e variazioni di temperatura.

Quali sono i fattori di calcolo dei requisiti?

Nel tempo, abbiamo cercato di migliorare il livello di comfort offerto dal nostro ambiente. Nelle zone più fredde, abbiamo cercato di riscaldare le nostre case e nelle zone più calde, per rinfrescarle, perché una temperatura troppo bassa o troppo alta ci impedisce di lavorare correttamente o di rilassarsi. Ma il comfort termico essenziale per il nostro benessere è soggetto a tre fattori:

  • Il fattore umano
    il modo in cui siamo vestiti, il nostro livello di attività e il tempo che trascorriamo in una posizione
  • Il nostro spazio
    la temperatura della radiazione e la temperatura circostante
  • Aria
    sua temperatura, la sua velocità e il suo grado di igrometria

Di tutti questi fattori, il fattore umano rimane il più imprevedibile.
Ma altri possono essere controllati per portare quel tanto desiderato senso di benessere.
Le modifiche ai modelli di costruzione, ai modelli di lavoro e ai tassi di occupazione hanno creato nuovi parametri che i progettisti devono considerare.

Ad esempio, gli edifici moderni generano molto più calore rispetto ai loro predecessori, diciamo, 50 anni fa, per diversi motivi:

  • Infiltrazioni solari
    I progressi nella tecnologia degli edifici hanno portato ad un aumento nell’uso del vetro, e anche con la protezione solare, l’impatto della luce solare rimane considerevole.
  • Occupanti
    Un numero crescente di occupanti, ciascuno con una potenza non inferiore a 120 W / h di calore, viene regolarmente stipato negli uffici
  • Apparecchi elettrici
    Computer, stampanti e fotocopiatrici, che ora sono indispensabili in tutti gli uffici, generano anche una quantità significativa di calore.
  • Illuminazione
    Molti negozi moderni potrebbero essere riscaldati solo dal loro sistema di illuminazione, che spesso rilascia tra 15 e 25 W / m².
  • Ventilazione
    Introdurre l’aria esterna in un edificio significa anche introdurre la sua temperatura, che può essere problematica quando si trova a 30 ° C all’esterno!

Cos’è il trasferimento di calore?

Il calore scorre sempre da una sostanza più calda a una sostanza più fredda. In realtà, è un trasferimento di energia tra molecole in rapido movimento e molecole più lente. Quindi, le molecole più veloci rallentano un po ‘e l’accelerazione più lenta. Per dirla più semplicemente, significa che quando fuori fa caldo, il calore cerca di “invadere” gli spazi interni più freddi.

Il calore può essere trasferito da un corpo all’altro mediante uno di questi tre processi:

radiazione

Da un’onda in movimento (identica alle onde luminose) che trasmette energia da un corpo all’altro senza che sia necessario alcun intervento.

conduzione

Dal flusso di calore tra parti di una sostanza o sostanza ad un’altra per contatto diretto.

convezione 

Per trasferimento tramite un fluido o via aria.

 

Correnti d’aria fredda

Le correnti fredde a volte sono associate con l’aria condizionata e, in effetti, ciò può essere causato da un sistema mal progettato. Le possibili conseguenze per il personale della posizione di un sistema di condizionamento d’aria e il suo metodo di distribuzione dell’aria devono quindi essere studiati dalla fase di progettazione.

Anche l’altezza del soffitto è importante. I produttori di condizionatori d’aria generalmente si aspettano che l’altezza ottimale del soffitto per un sistema di trasmissione diretta sia compresa tra 2,70 metri e 3,50 metri. L’aria fredda a circa 16 ° C, fornita a questa altezza, può essere miscelata con l’aria più calda della stanza prima di raggiungere le persone, evitando così il tiraggio a freddo.

Nonostante ciò, in sistemi che non soddisfano questi standard, è ancora possibile installare un sistema di condizionamento d’aria di qualità per compensare.

Il luogo di installazione, l’altezza del soffitto e la sua forma influiscono quindi in modo significativo sulle correnti d’aria o sulla loro assenza. Per spiegare tutto questo, ecco alcune informazioni sulle proprietà dell’aria fredda. L’aria fredda tende a “attaccarsi” al soffitto per un momento prima di scendere. Questo è chiamato effetto “Coanda” e questo permette all’aria fredda e all’aria circostante di mescolarsi prima di scendere nella stanza?

Sfortunatamente, l’esistenza di un ostacolo come una trave del soffitto ha l’effetto di interrompere il flusso d’aria. In questo caso, l’aria fredda colpirà il raggio prima di immergersi immediatamente, al massimo disagio della persona installata appena sotto.

Allo stesso modo, se due dispositivi sono installati uno di fronte all’altro, anche le correnti fredde si scontreranno.

Cosa significa COP ed EER?

I termini COP (Coefficiente di prestazione) ed EER (coefficiente di efficienza di refrigerazione) forniscono indicazioni sulle prestazioni di riscaldamento e raffreddamento dei sistemi di climatizzazione. Indicano il coefficiente di riscaldamento o di raffreddamento fornito da un dispositivo in base alla quantità di elettricità necessaria per il suo funzionamento. Quindi, se un condizionatore d’aria genera 5kW di calore per una fornitura di energia elettrica da 1kW, il suo COP viene valutato a 5.0. Allo stesso modo, se un condizionatore d’aria genera 5kW di raffreddamento per una fornitura di energia elettrica da 1kW, il suo EER sarà 5.0. Maggiore è il COP e EER, maggiore sarà l’efficienza energetica del dispositivo.

Qual è la differenza tra calore sensibile e calore latente?

Nell’aria condizionata devono essere prese in considerazione due forme di calore:

  • calore sensibile
  • calore latente

Calore sensibile

Quando un oggetto viene riscaldato, la sua temperatura aumenta all’aumentare del calore. L’aumento di calore è chiamato calore sensibile. Allo stesso modo, quando il calore lascia un oggetto e la sua temperatura cala, il calore che viene estratto viene anche chiamato calore sensibile. Il calore sensibile si riferisce al calore che provoca un cambiamento di temperatura

Calore latente

Qualsiasi sostanza di natura pura è capace di cambiare stato. I solidi possono diventare liquidi (acqua ghiacciata giri) e liquidi possono diventare dei gas (acqua in vapore) ma cambia come quelli qui richiedere l’aggiunta o la rimozione di calore. Il calore che causa questi cambiamenti è chiamato calore latente

Tuttavia, il calore latente non influenza la temperatura di una sostanza – ad esempio, l’acqua rimane a 100 ° C quando bolle. Il calore aggiunto per l’acqua per continuare a bollire sarà chiamato calore latente. Il calore latente è il calore che provoca un cambiamento di stato senza un cambiamento di temperatura.